Late Night Show with Riccardo

Articolo epico

Photo by King Lip on Unsplash

Signori siamo vicini alla fase 2, almeno lo credo, ma ogni giorno cambiano date e metodi.
Ero convinto fosse il 4 maggio, cioè lunedì, poi leggo 10 maggio per alcuni, 18 maggio per altri è 1 giugno per altri ancora.
CHE CASINO.
Se guardiamo la televisione per cercare di capirne qualcosa, sembra una carnevalata come ha detto un presentatore.

“O Sceriffo” della Campania, Enzo De Luca chiede il blocco dei confini, Zaia e Fontana attaccano. Si aprono le fabbriche e non i negozi, possono esercitare i dentisti, ma non i barbieri e i centri estetici. La scuola è chiusa, ma riapriranno i centri estivi in anticipo per i bambini. Il Veneto vuole riaprire tutto da domani e subito qualcuno ha da ridire, la Calabria idem e va bene. Conte e gli esperti controbattono.
Insomma c’è chi vorrebbe decidere per la propria regione, ma poi interviene qualcun altro dicendo un’altra cosa.

Gli italiani sono in gran confusione, non sanno più chi ascoltare. Lo Stato dice una cosa, le regioni un’altra e i sindaci tutt’altro.

Andiamo per gradi e ragioniamo.
Prime ad aprire sono le fabbriche del settore manifatturiero e centri medici, poi i negozi e alla fine ristoranti e parrucchieri ed estetisti.
Cavolo se ci penso che devo arrivare a giugno con i capelli… fra un po’ farò le treccine. Per fortuna che la mattina non mi vedono, altrimenti nota di demerito: ”Ehi preside non è colpa mia”!

Riprendendo il filo del discorso, da lunedì aprono le attività produttive.
Domanda che mi viene spontanea, ma come fanno a produrre le aziende se nessuno consuma e va in negozio ad acquistare?

Legge della domanda e dell’offerta, a meno che il nostro professore non abbia eliminato un passaggio. Se Tizio acquista un paio di jeans, le aziende tipo la Diesel o la Gas li producono, li portano al negozio, incassano soldi, pagano dipendenti che vanno a spenderne altri, acquistando un mobile, un elettrodomestico ecc.
Se nessuno acquista cosa producono a fare le aziende?

Per fortuna che abbiamo 20 consulenti ad alto livello che aiutano il governo in queste decisioni. Forse a costo zero potevamo andare noi a consigliare Conte che non è molto che abbiamo fatto questo capitolo in economia.
La vedo dura.

Se qualcuno volesse aiutarci a trovare altre soluzioni siamo a disposizione di qualsiasi suggerimento. Non si sa mai che da Roma non ci leggano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...